Alba Dorata, «un’associazione di accoltellatori»

mixaloliakos_nazi_palia(Intervista con l’avvocato Thanasis Kampagiannis, che fa parte del movimento antifascista greco e rappresenterà una delle parti civili nel processo, Leonardo Bianchi, Il Manifesto, 7.2.2015).

Qualche giorno fa il nuovo ministro dell’economia greco Yanis Varoufakis, durante l’incontro con il suo omologo tedesco Wolfgang Schäuble, aveva evidenziato i rischi politici che sta correndo la Grecia in questo momento storico. “Quando stasera tornerò nel mio Paese – ha detto Varoufakis – troverò un parlamento in cui il terzo partito non è un partito neonazista, ma nazista”.

Il riferimento era ad Alba Dorata, partito che – nonostante gli arresti dei vertici e il procedimento penale iniziato dopo l’omicidio del rapper Pavlos Fyssas, in arte “KillahP”, nel settembre del 2013 – alle ultime elezioni si è confermato al terzo posto con il 6.3% dei voti.

A seguito di un anno e mezzo di indagini, il 4 febbraio 2015 la Corte d’Appello di Atene, amaggioranza quasi assoluta, ha deciso il rinvio agiudizio dell’intero gruppo parlamentare edi altri militanti, per un totale di 72 persone. L’accusa principale che pende sul leader Nikos Michaloliakos esoci èquella di associazione adelinquere. Oltre aquesto capo d’accusa, nel processo confluiranno molti altri reati, tra cui appunto l’omicidio di Fyssas, l’aggressione dei pescatori egiziani (12 giugno 2012) equella ai militanti del KKE nel quartiere periferico di Perama, avvenuto pochi giorni prima dell’assassinio di “KillahP”.

Finora, dai documenti giudiziari èuscito un riquadro del partito adir poco devastante: omicidi, pianificazione di pogrom, aggressioni mirate amigranti eoppositori politici, l’uso sistematico della violenza come pratica politica, l’impiego di squadroni paramilitari, icollegamenti di alcuni deputati con la criminalità organizzata e ilegami con la polizia greca ei servizi segreti interni (EYP).

In vista dell’inizio del processo, il manifesto ha ripercorso tutti questi temi con l’avvocato Thanassis Kampagiannis, che fa parte del movimento antifascista greco e rappresenterà una delle parti civili nel processo. Kampagiannis inoltre gestisce il sito Jail​gol​den​dawn​.com, dove raccoglie documenti processuali emolti articoli in greco ein varie lingue.

Anzitutto, l’avvocato si sofferma sulla natura del partito. “Se si dovesse spiegare cos’è Alba Dorata, allora bisognerebbe definirla come un’associazione di accoltellatori. L’essenza dell’organizzazione, infatti, sono isuoi ‘battaglioni’ militarizzati. L’attività politica, come ad esempio la distribuizione del cibo ‘solo per greci’, èsolamente una facciata”.

Questi squadroni, tuttavia, non sono stati creati di recente. “Alba Dorata ha sempre avuto una struttura paramilitare al suo interno. Quando era un’organizzazione più piccola, ivertici stessi di Alba Dorata – il comitato centrale eil suo consiglio politico – pianificavano erealizzavano attacchi. Nel 1998 Antonis Androutsopoulos detto ‘Periandros’, che all’epoca era il numero due di Alba Dorata, aveva brutalmente aggredito tre studenti fuori da un tribunale”.

Le cose cambiano parecchio con l’ingresso in Parlamento nel 2012. Il partito, su cui piovono icospicui finanziamenti pubblici riservati ai partiti, ha bisogno di “dotarsi di una struttura politica formale nei quartieri di Atene ealtrove” edi allargare il proprio raggio d’azione. Per fare ciò, spiega Kampagiannis, “i battaglioni vengono ‘impiantati’ nelle varie sezioni locali”. Il loro funzionamento, come hanno dimostrato le indagini, èrigidamente gerarchico.

“I responsabili delle sezioni erano fondamentalmente quattro – spiega l’avvocato – C’erano il ‘Führer’ locale, il segretario politico, il responsabile delle azioni politiche eil responsabile dell’addestramento ideologico”. In realtà, tuttavia, il ruolo di queste ultime due figure era molto diverso da quello che suggeriva il nome: “Il responsabile delle azioni politiche era quello che allestiva ibattaglioni con il pretesto della security; equello dell’addestramento non si limitava all’ideologia, ma si occupava dell’allenamento fisico edell’arruolamento di giovani emilitanti”.

Lo stesso KillahP, sostiene Kampagiannis, èstato ucciso da uno di questi battaglioni. “Le persone che hanno ucciso Fyssas facevano parte del battaglione locale di Nikaia – ètutto provato, ci sono le liste. Non era una lite finita male, come si era detto all’inizio: era un omicidio mirato, pensato eorganizzato da una struttura gerarchica. Nel settembre del 2013 Alba Dorata stava espandendo le sue attività, specialmente aPerama. L’organizzazione aveva anche creato dei sindacati su richiesta degli armatori locali, evoleva dimostrare di avere il controllo totale del territorio”.

Anche il caso dell’aggressione ai pescatori egiziani, che Kampagiannis rappresenta in giudizio, èpiuttosto esemplificativo di questa volontà di imporsi come forza egemonica in certe zone di Atene. “I pescatori avevano iniziato anche avendere, enon solo apescare. Questa mossa aveva fatto infuriare icommercianti greci, che aquel punto avevano bisogno di un’organizzazione come Alba Dorata per terrorizzare iloro ‘concorrenti’”.

Kampagiannis si sofferma anche sull’ascesa di Alba Dorata a Agios Panteleimonas, quartiere di Atene con forte concentrazione di migranti. Qui, infatti, il partito neonazista èriuscito acreare una sorta di “network politico-criminale” creando comitati di quartiere fasulli, offrendo la loro “protezione” ai residenti, attaccando inegozi degli immigrati e, soprattutto, collaborando attivamente con il commissariato di polizia della zona.

Ed èproprio sul rapporto tra polizia eAlba Dorata che l’avvocato tiene asoffermarsi. Per capire afondo questi legami, tuttavia, bisogna tornare alla fine degli anni ’40, al termine della guerra civile. “In quel momento l’estrema destra era diventata una parte organica del meccanismo statale greco. Per affermare la sua autorità, lo Stato aveva bisogno di usare formazioni paramilitari di estrema destra, inclusi icollaborazionisti dei nazisti, contro la sinistra”.

Questa organicità – che molti osservatori chiamano “Stato profondo” – aveva iniziato ad allentarsi all’inizio degli anni ’60. Il possibile cambiamento, però, venne spazzato via dalla junta militare che prese il potere nel 1967. Edopo la caduta del regime, dice l’avvocato, “lo Stato non èmai stato ripulito dai suoi elementi fascisti”. Negli anni ’90, questa interconnessione èstata particolarmente evidente. “All’inizio del decennio, la gestione la gestione del grande flusso migratorio proveniente dall’Albania era stata quasi interamente delegata alla polizia. In un certo senso, lo Stato ha iniziato aricordarsi di cosa vuol dire trattare una parte della popolazione come degli “illegali” odirettamente dei nemici. Lo stesso, più omeno, èsuccesso dopo l’11 settembre 2001 edopo la rivolta del 2008 adAtene”.

Questo, insomma, èil melting pot che “ha permesso un simile intervento politico di un’organizzazione neonazista nella polizia. L’esperimento di Agios Panteleimonas èpiuttosto indicativo: usando il razzismo ela protezione della polizia, Alba Dorata èriuscita asottrarre una fetta di territorio al controllo delloStato”.

La polizia, viceversa, ha certamente usato Alba Dorata per ipropro fini. “Qualche anno fa, il capo della polizia greca dichiarò che il compito delle forze dell’ordine era quello di ‘rendere la vita agli immigrati irregolari un inferno’. Ecco, se da poliziotto lavori in un commissariato come quello di Aghios, allora tendi avedere ibattaglioni di Alba Dorata come dei tuoi alleati”.

Pur essendo provati irapporti tra polizia eneonazisti – che hanno anche portato adiverse dimissioni einchieste interne – l’avvocato Kampagiannis non èperfettamente d’accordo con la definizione di Alba Dorata come di un “partito parastatale”. “Il fascismo non èsemplicemente un ‘parastato’, ma ha degli obiettivi ben precisi. Fondare un partito fascista significa costruire un qualcosa che èal di fuori dai meccanismi statali, anche se ha enormi collegamenti al suo interno”.

Su questo punto, diversi giornalisti greci – su tutti Dimitris Psarras, autore de La bibbia nera di Alba Dorata – hanno parlato di una specie di strategia della tensione “all’italiana” portata avanti da Alba Dorata. “Credo che dopo il 2008 si possa dire che questo era l’obiettivo del partito”, afferma l’avvocato. “Oltre ai collegamenti con ipartiti neofascisti italiani di adesso, alcuni membri di Alba Dorata hanno studiato in Italia ehanno legami con il vostro paese che risalgono almeno agli anni ’70. Sicuramente la strategia della tensione èun importante riferimento politico eideologico: fa parte del loro modo di pensare edi come vedono ilmondo”.

A questo proposito anche il duplice omicidio degli albadorati George Foundoulis eManolis Kapelonis, avvenuto il 1novembre 2013 fuori dalla sede del partito aNeo Irakleio, potrebbe rientrare in una simile strategia. L’assassinio èstato rivendicato da un gruppo terroristico chiamato “Potenze Rivoluzionarie Combattenti Popolari”; ma la polizia non ha mai trovato icolpevoli, erecentemente ha ammesso di essere aun punto morto dell’inchiesta.

“Questo èun episodio molto oscuro”, dice l’avvocato. “Sono però convinto che queste persone siano perfettamente in grado di organizzarsi una cosa del genere. Come già detto in precedenza, alcuni membri di Alba Dorata erano in contatto con un certo sottobosco criminale. Ele modalità di questi omicidi assomigliano più aquelle impiegate dalla mafia che dal nuovo terrorismo politico di estrema sinistra, che agisce in modo diverso”.

In definitiva, comunque, Kampagiannis èconvinto che l’inchiesta sia molto solida, eche le prove per arrivare auna condanna siano granitiche. Tuttavia, l’esito finale potrebbe non essere così scontato. “Alba Dorata si èdipinta sin da subito come vittima di una persecuzione politica, enon tutta l’opinione pubblica ha contrastato efficacemente – vuoi per motivi politici, vuoi per diffidenza nei confronti dello Stato – la propaganda del partito”.

E nemmeno l’avvento di Syriza al governo potrebbe portare auna condanna certa. “Se igiudici hanno l’impressione che dietro c’è un movimento d’opinione che tiene alta l’attenzione su questo procedimento, allora credo che saranno praticamente ‘obbligati’ aemettere un provvedimento di condanna”. Se invece non ci sarà alcuna pressione dal basso, conclude Kampagiannis, “allora èperfettamente possibile che Alba Dorata la faccia franca anche questavolta”.

(You can follow Leonardo Bianchi in Twitter: @captblicero).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *